Lo scrittore in giallo.

Il brivido è , e anche nella cattura.

Sfoglia gli articoli recenti dedicati al mondo del giallo e delle indagini.

  • tutti
  • eventi
  • pensieri
tutti
  • tutti
  • eventi
  • pensieri
pensieri

VUOTO

MI SONO RICORDATO DI UNA VECCHIA STORIELLA ZEN. Un kōan. Parla di un pensatore che arriva al monastero per ricevere gli insegnamenti sulla Via della …

CONTINUA...

Vuoi leggere un mio romanzo giallo?

Ecco "la pistola fumante":
il mio romanzo in evidenza questo mese.

L'ORA NERA

un thriller d'azione per una coppia di eroi fuori dal comune.

L’Italia è in rivolta. Le elezioni sono alle porte. Due giovani zingari e un vecchio scassinatore professionista partecipano a un furto su commissione, ma qualcosa va storto e lo scassinatore ruba un oggetto di inestimabile valore. Un pacco che lo caccia in un grosso guaio. L’Ispettore Murer è un poliziotto sospeso nel tempo, ha assistito all’omicidio di un collega durante una manifestazione e la sua vita è cambiata, è cambiato lui. Un’indagine banale lo porta sulle tracce di una cospirazione, mentre qualcuno segue lui e la sua famiglia.

Agenti segreti e soldati di ventura. Politici corrotti e grandi manovratori. Il Signor Rossi e l’operazione Bona Dea. Le vite parallele di questi personaggi s’incrociano e si scontrano in un racconto coinvolgente e mai banale, in una Bologna inedita e oscura, in una Italia dai toni accesi, più attuale che mai. Quando scatterà, L’ora nera vi lascerà senza fiato.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

L'indagine continua.

Questo è il mio sangue è stato il mio primo romanzo pubblicato (Mondadori, 2005) ed è stato selezionato da Sandrone Dazieri e da Gabriele Salvatores per la collana Colorado Noir.

 

Il Clan dei Camorristi (Fivestore, 2013) invece è l’adattamento della serie televisiva TaoDue/Mediaset che ha come protagonisti Stefano Accorsi e Giuseppe Zeno. 

 

Il Mistero della Loggia Perduta (Felici, 2012) è un omaggio al giallo classico, alla commedia gialla e a Ellery Queen. Un’operazione in cui mi sono inventato un personaggio che porta il mio stesso nome, che frequenta i miei stessi amici, ma che è molto più antipatico di me.