TUTTI GLI ARTICOLI DEL SITO

black-black-cat-blur-min

GIORNATA DELLA SUPERSTIZIONE

Nella mia lunga carriera di ficcanaso, ho cominciato relativamente presto a occuparmi della cosiddetta ‘manipolazione mentale’. Potremmo chiamarlo plagio, se preferite. Io le chiamo solo ‘credenze’. Ce ne sono di tanti tipi. Quello sui cui mi voglio concentrare oggi è tutto quello che sfrutta le abitudini cognitivo-comportamentali e le percezioni del nostro cervello, le nostre …

GIORNATA DELLA SUPERSTIZIONE continua…

LA TELEVISIONE DEI MORTI VIVENTI

Perché uno scrittore di gialli dovrebbe parlare di cronaca nera in televisione? Perché bisognerebbe poi parlare di cronaca nera? Non siamo forse arrivati al limite di sopportazione della spettacolarizzazione del dramma? Non rischiamo di trattare la cronaca nera come il calcio, di finire per rivedere la moviola dell’omicidio davanti allo schermo televisivo? Dicono che fosse …

LA TELEVISIONE DEI MORTI VIVENTI continua…

SABATO 9/3: “L’INTRUSO” DI LUIGI BERNARDI

UN LIBRO FONDAMENTALE PER CHIUNQUE SCRIVA E LEGGA LIBRI Luigi Bernardi l’ho incontrato la prima volta quando avevo dieci anni, era il primo fra gli editori che avevano portato efficacemente i fumetti giapponesi in Italia. Io ero un giovanissimo collezionista. Ci siamo rivisti otto anni dopo, quando entrai come giovanissimo segretario a far parte dell’Associazione …

SABATO 9/3: “L’INTRUSO” DI LUIGI BERNARDI continua…

ADATTARE LA PAURA

La paura è un’emozione primaria. È inalienabile, per gli uomini e per gran parte degli altri animali presenti su questo pianeta. A detta di alcuni, succede la stessa cosa in diversi quadranti dell’Universo, almeno per le forme di vita compatibili con la nostra. La paura è impossibile non avercela. Può essere generata, secondo il dizionario …

ADATTARE LA PAURA continua…

VUOTO

MI SONO RICORDATO DI UNA VECCHIA STORIELLA ZEN. Un kōan. Parla di un pensatore che arriva al monastero per ricevere gli insegnamenti sulla Via della Liberazione. Il Maestro invece gli versa un tè, e quando il pensatore gli fa notare che la tazza è piena e il tè caldo gli sta finendo tutto sulla mano, …

VUOTO continua…

Torna su